Post-Gara: Le dichiarazioni dei protagonisti

Guye Adola: “è stata una gara bellissima nella quale siamo partiti molto forte. I miei avversari hanno provato a staccarmi ma mi sentivo bene ed ho stretto i denti superando anche una piccola crisi. Al 16° chilometro mi sono sentito in condizione di cambiare ritmo definitivamente e sono volato a tutta verso il traguardo. Sono contento di aver chiuso sotto l’ora ora il mio prossimo obiettivo sarà la Maratona di Amburgo”.

Gladys Cherono: “mi avevano detto che la RomaOstia è una gara insidiosa perché è molto veloce e pertanto va affrontata con grande attenzione e senza lasciarsi prendere dalla foga del dover attaccare a tutti i costi. Ho atteso il mio momento e proprio dopo aver visto il mare (dopo il 10km ndr) ho impostato il mio attacco. Questa è una mezza maratona per veri specialisti. La mia prossima gara sarà a Boston”.

Rosaria Console: “Sono felice di aver ancora una volta corso sulle strade della RomaOstia che sento mie, mi alleno qui vicino nell’impianto delle Fiamme Gialle e questa è casa mia. Ringrazio Luciano Duchi per l’opportunità che mi ha dato di provare ancora una volta queste emozioni. Sono molto soddisfatta del tempo perché questa gara ha segnato il mio rientro dopo la maternità. Il prossimo appuntamento sarà la Maratona di Roma. Il mio obiettivo stagionale è quello di correre una maratona vicino al mio personale. A 37 anni sarebbe davvero un grande risultato”.

Riccardo Passeri: “è stata una gara molto dura dove però mi sono sentito in ottime condizioni fin dalle prime battute. Per questo ho deciso di pazientare e attendere il momento giusto per alzare il ritmo. Sono orgoglioso di essere il primo atleta italiano sul traguardo e voglio ringraziare il mio allenatore Pompeo D’Ambrosio, la mia famiglia e mia moglie Lucia.

Annalisa Minetti: “Permettetemi di ringraziare “i miei angeli custodi”, coloro che mi hanno accompagnato in questa impresa e tutti i runners che sul percorso hanno rispettato la mia disabilità attribuendomi grandi attestati di affetto. Oggi ho dimostrato a me stessa che nulla è impossibile. Prossimo appuntamento la Maratona di Roma per la quale già mi sto preparando, la gara di oggi è stata propedeutica alla distanza più lunga”.

A premiare i vincitori l’Assessore allo Sport di Roma Capitale Daniele Frongia: “Ricordo quando mio padre mi raccontava che negli anni ’70 guidando sulla Colombo aveva destato la sua curiosità un piccolo gruppo di coraggiosi che correva verso Ostia.  Oggi sono passati diversi anni e non si tratta più di un piccolo gruppo di persone, la mezza maratona RomaOstia è tra le competizioni podistiche più importanti d’Italia e richiama ogni anno una sempre più vasta comunità, italiana e internazionale, di runner ed è ammirata da tutta la Capitale. Un appuntamento che unisce i cittadini che si mettono in gioco provando a superare i propri limiti e che trascorrono così una intensa giornata all’insegna dello sport. Il percorso nasce nel quartiere Eur, simbolo del XX e XXI secolo, e termina sul litorale di Ostia, un territorio che aggiunge valore alla Capitale, sia per la sua bellezza naturale e sia perché meta di tanti turisti e romani. Anche quest’anno la RomaOstia ha ottenuto il Gold Label, dimostrandosi una delle gare più prestigiose e in grado di offrire a runner e amatori i migliori servizi al pari delle altre maratone internazionali. Roma Capitale dà grande sostegno alle manifestazioni podistiche in città perché rappresentano un bel momento di aggregazione, contribuiscono alla diffusione dei valori dello sport e a incentivare i cittadini a perseguire un sano stile di vita”.

CONSULTA LA CLASSIFICA

Condividi con i tuoi contatti:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Print
  • MySpace
  • del.icio.us
  • Digg
  • Google Buzz
  • Yahoo! Buzz
  • Add to favorites
  • email
  • PDF
  • Live
  • RSS